La merda.

Ho sempre sostenuto che dietro la réclame dei Rotoloni Regina, vi fosse una metafora (inconscia?) del “mondo-di-merda” che, tutti noi, esseri sensibili ci accorgiamo di abitare, quotidianamente. Perché il mondo è popolato da uomini e questi defecano, non solo attraverso l’ano.
Riversiamo tonnellate di merda quotidiana, destinata a fogne, quotidiani, telegiornali, posti-di-lavoro, città, strade, supermercati, scuole, università, famiglie, parlamenti, chiese.
Insomma, l’uomo produce merda. Ed il rotolone che corre per le strade del mondo, inseguito da noi, gioiosi produttori, è sublime catarsi del genere umano e perfetta fotografia del suo fine ultimo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...