Freud


Lucian Freud, due giorni fa ha smesso di dipingere la Carne.

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Bon Iver, Bon Iver 2011

Un disco Meraviglioso. Perfetto per pensare, viaggiare, ricordare.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Pisa, settimana scorsa.

Orde di “turistacci” malmessi e paonazzi a caccia di ricordi, registrano fotografie malamente inquadrate. Mangiano pasti strapagati nelle peggio bettole turistiche: “Tanto, passano e ‘un li vedi più!”. Alcune ragazze del nord europa con le caviglie gonfie e la cellulite, vestite di lini chiari e trasparenti scattano sui monumenti mettendosi in posa. Hanno sandali leggeri, il naso scottato, imperlato di sudore. Non cercano conforto all’ombra. Sono stoiche. L’eroismo della razionalità. Vengono, senza porsi molte domande. Cercano le biglietterie e se ne stanno ordinate in fila, accanto ai muri pisciosi della città, talvolta, avvicinando pericolosamente i piedi a grosse merde di cane, fresche di giornata; eterne testimoni del nostro inquieto stato di grazia.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

An imaginary country.

Tim Hecker è un artista straordinario.
Non chiamate la sua musica “Ambient” (cazzo, non è Ambient questa). C’è una tensione diversa. Stratificata, luminosa, rumorosa, emotiva, subliminale. Una colonna sonora per i pensieri? Ma quali?

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

La Bellezza.

“L’occhio guarda, per questo è fondamentale.
E’ l’unico che può accorgersi della bellezza.
La bellezza può passare per le più strane vie,
anche quelle non codificate dal senso comune.
E dunque la bellezza si vede perché è viva e quindi reale.
Diciamo meglio che può capitare di vederla.
Dipende da dove si svela.
Il problema è avere occhi e non saper vedere,
non guardare le cose che accadono,
nemmeno l’ordito minimo della realtà.
Occhi chiusi.
Occhi che non vedono più.
Che non sono più curiosi.
Che non si aspettano che accada più niente.
Forse perché non credono che la bellezza esista.
Ma sul deserto delle nostre strade Lei passa,
rompendo il finito limite e riempiendo i nostri occhi di infinito desiderio”

P.P.Pasolini

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Darwin.

Meraviglioso sentire i “nostri” lamentare (e paventare) sicuri aumenti della criminalità, in relazione alle nuove ondate migratorie.

Cosa fanno, temono la concorrenza? L’Italia è un posto Sublime.

 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Karma-geddon?

Deficienze cosmiche.
Affliggono le genti dello mondo intero.
E non sembra vero, che per una trama risolutiva
di questa specie, si aspetti molto.
Quasi l’attesa si faccia di proposito spasmodica,
a provocar fremiti e palpiti
in chi l’aspetta, come un film sperato.
Un disco ignoto e sublime.
Un libro censurato.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Il popolo, ovvero Petrolini.

Le riprese di questo spettacolo (Nerone) sono del 1930. Da notarsi, le considerazioni sul popolo.

Da Wikipedia:
Ettore Petrolini (Roma, 13 gennaio 1884 – Roma, 29 giugno 1936) è stato un attore, drammaturgo, scrittore e sceneggiatore italiano, specializzato nel genere comico. È considerato uno dei massimi esponenti di quelle forme di spettacolo a lungo considerate come teatro minore, termine con il quale si identificavano il teatro di varietà, la rivista e l’avanspettacolo. Viene ricordato nello spettacolo l’atteggiamento sbeffeggiante verso la dittatura che portò il grande attore, in occasione della medaglia che Mussolini gli volle conferire, a pronunciare l’immortale ringraziamento: “E io me ne fregio!”. La sua importanza nel panorama del teatro italiano è oggi pienamente riconosciuta. Riassumendo in sé l’attore e l’autore, Petrolini ha inventato un repertorio ed una maniera che hanno profondamente influenzato il teatro comico italiano del Novecento.

“E io me ne fregio!”

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Sprofonda.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Amarcord.

Ecco. In televisione, nell’ottantatré, ti trovavi Parise, Villaggio, Moravia e Patroni Griffi che disutevano di istituzioni, economia, attualità politica con Spadolini, ex presidente del consiglio (nel 1982), membro e segretario del Partito Repubblicano Italiano (per il popolo: Leggasi Destra). Uomo di raffinata cultura, non fu mai sfiorato da tangentopoli ed è tutt’ora considerato uno dei migliori statisti italiani. Ricordo personale: lo vidi, nel 1988, al mercatino degli “O’Bei O’Bei” di Milano, che cercava fra i libri antichi di una bancarella.

 

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento